BIJOU_CONTEMPORAIN

Bienvenue sur mon blog

  • Accueil
  • > Recherche : il gioiello bijoux

06/12/2016

EXCHANGE-BIJOU 2 – Barbara PAGANIN at OHMYBLUE

Barbara Paganin  participe à une très jolie exposition, sur « ses » lieux, Venise, dans une galerie plus qu’exquise, OHMYBLUE :

« Selected Stories »   una mostra collettiva di maestri del gioiello contemporaneo italiani.
Opening: Saturday 10 December 2016, 6:30 – 8:30 pm

 
The exhibition Selected Stories at OHMYBLUE focuses on the relationship between bodies of work created in the last years by some of the most relevant Italian contemporary jewelry artists.
This exhibition invites the viewer to experience the different languages that these authors speak, having the chance to witness to a web of interlocking formal decisions and identities.
Every piece of jewelry is an image, a tangible object that one can pick up, put down, look from a distance, caress. Even read. Because these objects and their beauty, their shapes, their strangeness, they tell a story that accompanies us and which we want to possess, participating in the construction of significance by appropriating whatever fragment it feels dear to us.
These pieces of jewelry are lonely architectures, spaces that become ourselves and where we can feel at home, strangely. 
Barbara Paganin, Rami blu, brooch: Barbara Paganin - Rami blu,  brooch  
“Da sempre i vegetali mi affascinano così come l’unicità dell’essere umano. Siamo tutti simili, ma nessuno è uguale all’altro [...] In particolare mi affascinano i cavolfiori nella loro varietà: cavolo rosso, cavolo verza, cavolo rapa, broccoli, cavolfiori, il cavolo romano [...] In forma di foglia, i rilievi e le venature rimandano immediatamente al nostro sistema venoso e linfatico. In forma di fiore, c’è un diretto riferimento all’albero. Del calco mi interessa l’impronta, l’impronta che identifica, segno quindi unico e identificabile”.
OHMYBLUE•••••VENEZIA•••••SELECTEDSTORIES  BARBARA PAGANIN detail of a brooch: BARBARA PAGANIN brooch – detail
cette photo, ce bijoux, ces détails, ces couleurs me laissent … plus que pantoise !

Barbara Paganin "Sfumature"  Barbara Paganin « Sfumature » – brooch

OHMYBLUE•••••VENEZIA•••••SELECTEDSTORIES  BARBARA PAGANIN detail of a brooch: BARBARA PAGANIN detail of a brooch

Barbara Paganin | Impronte | rings, silver - at OHMYBLUE!: Barbara Paganin | Impronte | rings, silver – at OHMYBLUE!

OHMYBLUE•••••VENEZIA SELECTED STORIES EVENT BARBARA PAGANIN: Barbara Paganin   ring details – anello Polifonico

 

 

OHMYBLUE
Campo san Toma’, sestiere di San Polo 2865
Venezia, Veneto 30125
Italy
+39 041 243 5741
http://www.ohmyblue.it/

 

 

08/12/2015

EXPO/CONCOURS ‘Filo Rosso 2015′ – Sala Negrisin & Museo Carà, Muggia (IT) / DRAT Gallery & Palazzo del Podestà, Izola (Slovenia) – 12 Dec.2015 – 24 Janv.2016

FILO ROSSO 2015

At MUGGIA (Ts -Italia)  [Museo d'Arte Moderna "Ugo Carà " & Galleria Comunale "Giuseppe Negrisin"] and at IZOLA  (Slovenija) ["DRAT" gallery, "Palazzo Manzioli" & "Palazzo del Podestà"]

Le realizzazioni selezionate dalla giuria saranno esposte assieme ai bozzetti presso il Museo d’Arte Moderna «Ugo Carà» o presso la Sala Comunaled’Arte «Giuseppe Negrisin» di Muggia, Trieste (Italia) dal 12 dicembre 2015 al 24 gennaio 2015
e nel mese di maggio 2016 presso il « Palazzo del Prefetto » o  » la Galleria « Dart » a IZOLA  (Slovenia) nel mese di maggio 2016.

Filo Rosso 2015:

Quest’anno viene inoltre presentato ilcoup de coeur”: mostra dedicata a Silvia Beccaria e a Vered Babai, artista israeliana che espone per la prima volta in Italia.

11 Dec. : 17.30 Inaugurazione  MUGGIA (Ts – Italia) – Museo  d’Arte Moderna «Ugo Carà»
11 Dec. :  19.30 Inaugurazione/Otvoritev  IZOLA (Slovenia)  «Galerija «Drat»

VENERDI 11 dicembre
ORE 14 _ 16 MUGGIA
selezione premi FiloRosso
a seguire trasferimeto a IZOLA
ORE 17 IZOLA
Inaugurazione DRAT Gallery
Palazzo del Podestà
ORE 18.30 trasferimento Muggia
ORE 19.00 inaugurazione Museo Carà

FiloRosso Bijoux è un concorso biennale dedicato al gioiello contemporaneo che presenta in una mostra finale i gioielli realizzati in parte o totalmente con il tessuto. I tessuti, gentilmente concessi dalla C&C-Milano, vengono inviati ai partecipanti secondo le loro scelte. Le opere realizzate vengono in seguito esposte presso gli spazi del Museo d’Arte Moderna “Ugo Carà” di Muggia a Trieste e presso la Galleria “Drat” e gli spazi della città di Izola, in Slovenia, creando un evento internazionale (PreziosaMagazine)

Palazzo del Municipio, Izola - SloveniaPalazzo del Municipio, Izola – Slovenia

FiloRosso est un concours à titre gratuit ouvert aux artistes et aux jeunes créateurs pour la réalisation d’un bijou avec  l’utilisation du tissu.
Le tissu est donné aux participants par la société italienne C&C-Milano, qui est spécialisée dans la création de tissus pour la haute couture et l’ameublement.
Le concours aboutit à une exposition des meilleurs travaux, sélectionnés par un jury, au Musée d’Art Moderne de la ville de Muggia (Trieste).  Dans les précédentes éditions, en 2008 et en 2010, on a vu la participation d’artistes de 16 pays différents avec une centaine d’ouvrages exposés.
Pour cette édition de FiloRosso il y a plus de 80 artistes inscrits de toutes nationalités confondues: Italie, France, Slovènie, Croatie, Autriche…Etats-Unis, Israel … Quelques noms: Sebastien Carré, Agathe Saint-Girons, Gigi Mariani, Barbara Uderzo, Lucilla Giovanninetti (Eandare) , etc …… et de très jeunes artistes encpre peu connus du public :

avec (liste non certifiée !)  Lucilla Giovanninetti –  Martina Obid Mlakar –  Marco PiccialiChiara LucatoBarbara UderzoAude MedoriTania PalazziRoberta RisoloJasmina WeissSilvia Beccaria –  Patrizia Bonati Daniela RepettoLuisa ChiandottoSébastien CarréRomi BukovecTinka LoncarAleksandra AtanasovskiYasmin VinogradGigi Mariani Maria Chiara CassaràAlix TranFlora SicaLaura VolpiNataša GrandovecHuberto ŠirokaAnnie Sibert Žarko OgnjenovičAna SabolićMarta PejoskaRoberta PavoneSilvia Valenti Petra BoleBibi KlekackoskaLosch EmilieMonika Šangulin –  Sandra KocjancicInbar Shahak Galit EinavNelly BonatiSara Progressi. — Rosanna Raljević Ceglar (NIIRO Jewelry) -

 filorosso 2015 _  IZOLA _ Slovenija "DRAT" galleryfilorosso 2015 -  IZOLA (Slovenia) « DRAT » gallery

La manifestazione è promossa dal Comune di Muggia in Italia e dal Comune di Izola in Slovenia è stata reralizzata con il contributo della Provincia di Trieste.  
Tra gli artisti che partecipano il pluripremiato Sébastien Carré , Francia, vincitore tra l’altro del premio  « Giovane creatore » al salone Révelation di Parigi nell’autunno scoroso, Gigi Mariani, Primo Premio nel 2014 a « Joya » a Barcellona o l’industrial design Petra Bole della Slovenia.  Le opere esposte saranno oggetto di una selezione a cura della giuria internazionale composta da:   
Jean-Yves Le Mignot – curatore mostre bijou 
Vered Babai - artista orafa israeliana  
Marianne Gassier – blogger di « bijoux contemporain »  
Giovanni Micera – Direttore della rivista « Preziosa Magazine »  
Agatha Ruiz de la Prada , stilista spagnola che ha fatto del colore e della forma il suo credo conosciuto in tutto il mondo, è la madrina d’eccezione di questa manifestazione.  

 FiloRosso 2015 -Sebastien Carré - broche  front:

Sebastien Carré - broche – proposition pour FiloRosso 2015

Yael Friedman necklace - FiloRosso 2015 - Yael Friedman necklace « Hoops » Collana, tessuto, filo

FiloRosso 2015 - Biljana Klekackoska (Macedonia) brooch 'the letter' seta, argento, acciaio, colore: Biljana Klekackoska (Macedonia) brooch ‘the letter’ seta, argento, acciaio, colore

Lucilla Giovanninetti per FiloRosso 2015: Lucilla Giovanninetti per FiloRosso 2015Rosanna Raljević Ceglar (Niiro jewelry) bracelet: Rosanna Raljević Ceglar (Niiro jewelry) bracelet

 Quest’anno viene inoltre presentato ilcoup de coeur”: mostra dedicata a Silvia Beccaria e a Vered Babai, artista israeliana che espone per la prima volta in Italia.

Silvia Beccaria at Agatha Ruiz de la Prada / Filo Rosso oct 2015: Silvia Beccaria at Agatha Ruiz de la Prada / Filo Rosso oct 2015

Vered Babai - broochesVered Babai – brooches

Vered Babai - brooch - to be exhibited at FiloRosso 2015 - Quest’anno viene inoltre presentato il “coup de coeur”: una mostra dedicata a Silvia Beccaria e a  Vered Babai, artista israeliana che espone per la prima volta in Italia. La partecipazione prevede più di un centinaio d’artisti provenienti da vari paesi: Italia, Francia, Austria, Slovenia, Croazia, Spagna, Germania, Israele: Vered Babai - brooch

 

 

Museo d’Arte Ugo CaràVia Roma, 9,
34015 Muggia TS, Italie
tel +39 040 927 8632

 

Sala Comunale d’Arte «Giuseppe Negrisin»
Piazza Marconi 1
34015 – Muggia Italy
Telephone: +39 403360340
website: www.benvenutiamuggia.eu
mail: ufficio.cultura@comunedimuggia.ts.it
info.filorossobijoux@gmail.com 
DRAT-GALLERY - Sandra Kocjančič 
Ljubljanska ul.21
6310 Izola Slovenia
tel +386 41 952 918

 

 

26/10/2015

post JOYA 2015, COUPS de COEUR/DECOUVERTES ! Susanna Baldacci

Classé dans : AGC Italia,COUP DE COEUR,DECOUVERTE,Italie (IT),JOYA (ES),Susanna BALDACCI (IT) — bijoucontemporain @ 17:18

Susanna Baldacci

sur le stand de l’AGC, à JOYA, un coup de coeur et, honte à moi, mais mieux vaut tard que jamais …., une découverte : les bijoux de Susanna Baldacci. Des structures fortes et délicates, des couleurs qui vous prennent l’oeil, à faire pleurer de bonheur, des petits mystères (pourquoi la broche s’appelle « exit » ?) qui se trouvent être des évidences lumineuses …  (… parce qu’il y a une ouverture, une échappée ….), des vides et des pleins qui aspirent l’âme ….

JOYA Barcelona - Joyería Contemporánea - COLLECTIVES -  AGC Associazione Gioiello Contemporaneo presents Susanna BaldacciSusanna Baldacci brooch « Exit 1″ silver, gold, resin, pigment 2015

Susanna Baldacci spilla- cubo - pervinca - argento ossidato, oro, resina, pigmenti, acciaio: Susanna Baldacci spilla- cubo – pervinca – argento ossidato, oro, resina, pigmenti, acciaio -
….. while this one has no « exit » …..

« aree protette -
Quando esco di casa la mattina, l’aria frizzante, la stagione che cambia, i volti che incontro, sono elementi che spesso mi indicano una traccia. Capita che un suono, un odore, un colore, mi colgano di sorpresa dietro un angolo, incrociando altri esseri umani o sbirciando fugacemente un interno attraverso una porta socchiusa. E la giornata prende forma. Quando mi siedo allora, per iniziare il mio lavoro, gli elementi che ho sul mio banco, un pezzo di ebano, un filo d’argento, i pigmenti, quel pezzo di metacrilato traforato il giorno prima, si cercano. Possono organizzarsi in maniera armonica se la giornata è buona, discordante tra loro se sono irrequieta. Superfici cromatiche di rosso acceso, superfici cupe di ebano scuro, microcosmi azzurro-indaco: sono aree protette, ognuna a se stante dove potermi riposare. Non esiste filo logico tra un pezzo e l’altro se non il bisogno di sospensione momentenea, sono altre storie, cammei del mio stato d’animo.« 

 SUSANNA BALDACCI:  Susanna Baldacci  « l’indaco » orecchini – argento ossidato, resina, pigmenti.

Susanna Baldacci "interiors" orecchini, argento ossidato, oro: Susanna Baldacci   « interiors » orecchini, argento ossidato, oro

« Amo i vuoti che danno spazio al pensiero, che ti accolgono, i contrasti cromatici e delle forme, le superfici materiche, le ombre che si creano e che cambiano a seconda dei punti di vista e della luce. Spesso il “due”
ricorre nei gioielli che faccio: “due” come rapporto tra due elementi diversi ma esistenti ciascuno perchè esiste l’altro. Altre volte sono colori, forme, visioni dall’alto di luoghi che immagino lontani e incontaminati
e che amo proteggere con un vetro. I colori che utilizzo maggiormente sono i   rossi e gli arancio, i blu in tutte le sfumature fino all’indaco. »

 Susanna Baldacci   anello "casa al mare" anello - argento ossidato, oro, resina, pigmenti.  Susanna Baldacci   anello « casa al mare » anello – argento ossidato, oro, resina, pigmenti

Susanna Baldacci "azzurra" spilla - argento, resina, pigmenti, acciaio: Susanna Baldacci « azzurra » spilla – argento, resina, pigmenti, acciaio

Susanna Baldacci "blu lemon" spilla, argento, acciaio, resina, pigmenti.: Susanna Baldacci   « blu lemon » spilla, argento, acciaio, resina, pigmenti

 susanna baldacci   "rossarancio" spilla - argento, resina, pigmenti, acciaio.« rossarancio » spilla – argento, resina, pigmenti, acciaio.

susanna baldacci.  "reds" orecchini - argento ossidato, oro, resina, pigmenti.: Susanna Baldacci.  « reds » orecchini – argento ossidato, oro, resina, pigmenti

susanna baldacci.  "mediterraneo mon amour" spilla - argento, oro, resina, pigmenti, metacrilato, acciaio.: Susanna Baldacci.  « mediterraneo mon amour » spilla – argento, oro, resina, pigmenti, metacrilato, acciaio

Susanna Baldacci -  "tre" spilla - argento, oro, ebano: Susanna Baldacci -  « tre » spilla – argento, oro, ebano

 Susanna Baldacci - ring 'aghi di pino' - shibuichi, gold 2015: Susanna Baldacci - ring ‘aghi di pino’ – shibuichi, gold 2015

Susanna Baldacci brooch 'Exit 2' -  silver, gold, shibuichi, acrylic, enamel (at JOYA 2015): Susanna Baldacci brooch ‘Exit 2′ -  silver, gold, shibuichi, acrylic, enamel (at JOYA 2015)

 

 

07/09/2015

EXPO ‘Filo Rosso gioiello contemporaneo’ – Boutique Agatha Ruiz de la Prada, Milano (IT) – 16 Sept.-6 Oct. 2015

Filo Rosso + Agatha Ruiz de la Prada – exhibition curated by Isabella Bembo in Milano.

Inauguzazion 16 settembre  alle 19.00h

FiloRosso Bijoux sceglie l’internazionalità e i colori dell’Expo 2015 per quest’occasione milanese.
Dal 2013 Agatha Ruiz de la Prada sostiene e presenta il gioiello contemporaneo nei suoi spazi promuovendo FiloRosso, appuntamento internazionale con il gioiello contemporaneo.
Dopo Parigi e Madrid, Milano è la sede che ospiterà a partire dal 16 settembre prossimo venturo le opere di sette artisti di diverse nazionalità .
La mostra è curata da Isabella Bembo che da anni divulga il gioiello contemporaneo credendo nella sua valenza preziosa, al di là del materiale con cui viene realizzato,  ma anche e soprattutto nel suo valore artistico e creativo legato strettamente al corpo e al suo fruitore, essendo veicolo di una comunicazione, allo stesso tempo, intima e universale.

Filo Rosso + Agatha Ruiz de la Prada

7 artisti di diverse nazionalità : italiana : Silvia Beccaria e Giovanni Sicuro  /  francese : Brune Boyer / belga : Cécile Bertrand / israeliana : Lital Mendel /  slovena : Sandra Kocjancic  / spagnola : Montserrat Lacomba che, per la prima volta, espone i suoi lavori in Italia

EXPO Filo Rosso - Silvia Beccaria - 'flora' gorgiera: Silvia Beccaria - ‘flora’ gorgiera

Cécile BertrandCécile Bertrand collier ‘meccano’

Montserrat Lacomba Brooch: Sun and Boat, 2015 Enameled copper, silver, nickel silver, blue quarts with pyrite 7 x 9 x 1cm: Montserrat Lacomba Brooch: Sun and Boat, 2015 Enameled copper, silver, nickel silver, blue quarts with pyrite 7 x 9 x 1cm

EXPO Filo Rosso - Lital Mendel 'ephemeral' ring: Lital Mendel ‘ephemeral’ ring

EXPO Filo Rosso - Brune Boyer 'Aîtres' pendant 2: Brune Boyer ‘Aîtres’ pendant

EXPO Filo Rosso - Giovanni Sicuro 'hollow' ring: Giovanni Sicuro ‘hollow’ ring

 FiloRosso a Milano - Sandra Kocjancic, REThink collana Sandra Kocjančič   ‘re-think’ collana

 

Boutique Agatha Ruiz de la Prada
Via Pietro Maroncelli, 5
20154  _ Milano
Italia
Dal martedì al sabato
Ore 11.00 _ 19.00

 filorosso2@gmail.com

17/01/2014

“Creativity Contest – Il gioiello si mette in posa” – deadline : 15 Mars 2014

Classé dans : Concours / Competition,Italie (IT) — bijoucontemporain @ 6:50

“Creativity Contest – Il gioiello si mette in posa”
Concorso internazionale -1° edizione

Creativity Contest – The Posing Jewel
International competition -1st edition

CREATIVITY CONTEST - Il gioiello si mette in posa

Creativity Oggetti, an arts’ space in the heart of Turin, dedicated to the Applied Arts, jewellery and bijoux, launches an international competition aimed specifically at jewellery designers and artists.

The objective of this competition is based on the research of various materials, forms and innovations, with an award and prize of professional photographic services.
The title of the competition and of the exhibition to follow, is “Creativity Contest – The Posing Jewel”. In addition to being a professional opportunity for the participants, its goal is also to be a playful exhibition for visitors who will be involved in voting.

The competition is open to all professionals, national and international artists, artisans and professional designers that, with the maximum freedom of expression, will submit a collection that complies to the selection criteria. The selected works will be on show at the exhibition “ Creativity Contest-The Posing Jewel” set up at the new venue of Creativity Oggetti, in the centre of Turin, held from mid September to the end of October 2014. They will also be featured in the catalogue published for the occasion.

Selection Criteria
The jewellery must be created using alternative materials compared to those used in traditional jewellery making.
Jewellery in gold, precious stones, gems or pearls will not be accepted.
Gold or silver plated jewellery will be accepted
Silver jewellery will be accepted
Each item of jewellery must be wearable and marketable.
Accepted types of jewellery : rings, earrings, bracelets, brooches and necklaces.
One item from each collection submitted must be especially suitable for the production of an artistically finished macro photograph that will be printed in the catalogue, on a rigid support in measurements to be defined, and to be displayed in the exhibition.
The jewellery must be accompanied by original packaging and descriptive material. A collection of a minimum of 3 pieces should be submitted.
Artists/designers must declare that their designs are their own and not a copy.
All the entries will be selected by Susanna Maffini Massera, owner of Creativity Oggetti (www.creativityoggetti.it ) , by Federica Cioccoloni (www.federicecioccoloni.it ) , freelance photographer, and by Montserrat Lacomba (www.mardecolorrosa.com ), artist and blogger for contemporary jewellery.
By March 22nd 2014, the jury will select entries for admission to the competition and exhibition. Entries that have been accepted for the competition on the basis of the images sent cannot be replaced by other works; if the works do not correspond to the images, they will be disqualified from the competition. The works must be received by April 11th 2014, with all transport charges paid by the applicant. Applicants will be informed of acceptance to the competition, methods and rules of delivery via e-mail.

The selected works will be on show in the exhibition “ Creativity Contest-The Posing Jewel” set up at the new venue of Creativity Oggetti, in the centre of Turin. It will be held from mid September to the end of October 2014 and will be featured in the catalogue published for the occasion.

Criteria for Admission
It is possible to enter the competition by downloading the application form from the website: www.creativityoggetti.it and by sending it completed in full
to:
Creativity Oggetti di Susanna Maffini,
via Mazzini, 29/e -10123 Torino – Italy.

Applications must be submitted by 15th March 2014. The participants will be notified via e-mail of admission to the competition and the related exhibition no later than March 22nd, 2014. In some cases other images may be requested via e-mail.

16/01/2013

EXPO ‘MAESTRI a Vicenza’ – Palazzo Bonin Longare, Vicenza (IT) – 18 Janv.-18 Fevr 2013

MAESTRI a Vicenza a cura di Alba Cappellieri

« I maestri dimostrano con evidenza che l’unica strada percorribile oggi è quella della qualità. La strada che Fiera di Vicenza ha scelto di percorrere ». Queste le parole di Roberto Ditri, Presidente della Fiera di Vicenza che non possono non far nascere la voglia di visitare la mostra « Maestri » a cura di Alba Cappellieri. Una mostra che racconta il mondo del gioiello in modo eterogeneo: culture, valori e concetti differenti non temono il confronto ma convivono armoniosamente. 
Dieci Maestri. Cinquanta opere straordinarie. 

Dall’alta gioielleria di Gianmaria Buccellati si passa ai gioielli prêt-à-porter di Sergio Silvestris, anima creativa di Pomellato, passando per i bijoux alla moda di Donatella Pellini, per i progetti e le sperimentazioni di GianCarlo Montebello o di James Rivière, per le lastre che trovano un senso tra le mani di Alba Polenghi Lisca o per i gioielli etici di Carla Riccoboni; o ancora vengono mostrati i gioielli d’artista di Getulio Alviani o la ricerca artistica di Giampaolo Babetto e Annamaria Zanella.

Getulio Alviani    monorecchio  1965  alluminio | aluminium – à Palazzo Bonin longare Getulio Alviani    monorecchio  1965  alluminio | aluminium

Annamaria Zanella  Bacco  2011-2012  collana l necklace  gabbiette di ferro, magnete, smalti, doratura l wire cages, magnets, enamel, gold plating – à Palazzo Bonin longare. Annamaria Zanella  Bacco  2011-2012  – necklace  – wire cages, magnets, enamel, gold plating

ANNAMARIA ZANELLAAnnamaria Zanella

"MAESTRI A VICENZA" - Giampaolo Babetto Giampaolo Babetto

Giampaolo Babetto  collana l necklace  1994  oro giallo 750 l yellow gold 750 – à Palazzo Bonin longare.Giampaolo Babetto  collana l necklace  1994  oro giallo 750 l yellow gold 750

Carla Riccoboni  Gamma rossa e Gamma nera “s-catenate”  2008  catena realizzata in parte per assemblaggio di moduli tranciati, in parte incatenando e saldando tra loro i moduli stessi l chain made partly by assembling sheared modules and partly by linking and welding the modules themselvesCarla Riccoboni  Gamma rossa e Gamma nera “s-catenate”  2008  – chain made partly by assembling sheared modules and partly by linking and welding the modules themselves

Donatella Pellini  bracciale l bracelet  1980  PVC e plexiglass l PVC and plexiglas – à Palazzo Bonin longare.Donatella Pellini   bracelet  1980  – PVC and plexiglas

 

Palazzo Bonin longare

Corso Andrea Palladio 13
36100 Vicenza – ITALY

16/06/2012

EXPO ‘Delphinarium : Delfina Delettrez’ – Antonella Vilanova Gallery, Florence (IT) – 20 Juin-10 Sept. 2012

20 Giugno 2012 / 10 Settembre 2012 Delphinarium  A monographic exhibition on Delfina Delettrez
a cura di Emanuela Nobile Mino

DELFINA DELETTREZ

Nell’ambito di Pitti Immagine 2012, la Galleria Antonella Villanova a Palazzo Ricasoli è lieta di presentare la prima mostra monografica dedicata a Delfina Delettrez

On pourra admirer l’univers fantastique de la créatrice de bijoux Delfina Delettrez. L’héritière de la maison Fendi investira le Palazzo Ricasoli à Florence, situé dans le nouvel espace de la Galleria Antonella Villanova et de la Galleria Alessandro Bagnai, de ses bijoux envoûtants et inquiétants. Organisée par Emanuela Nobile Mino, l’exposition Delphinarium abritera, du 21 juin au 10 septembre prochain, quelques unes des pièces les plus emblématiques de Delfina Delettrez issues des collections Anatomik (2009), My World (2010), Roll-In-Stones (2011), Love Is In The Hair (2011) et la dernière, Metalphysics, présentée il y a quelques semaines. L’occasion de marquer le premier jour de l’été en arpentant les galleries de ce bâtiment historique, redécorées pour l’occasion d’animaux venimeux, de jouer à se faire peur en découvrant un bracelet squelette derrière une tenture ou pour se laisser séduire par le pouvoir hypnotisant de ces boucles d’oreilles doigts ou de ce troisième-oeil monté en pendentif sur un collier précieux.

EXPO 'Delphinarium : Delfina Delettrez' - Antonella Vilanova Gallery, Florence (IT) - 20 Juin-10 Sept. 2012 dans Delfina DELETTREZ (IT) 39Bracelet Tourbillon en argent

Nell’ambito di Pitti Immagine 2012, la Galleria Antonella Villanova a Palazzo Ricasoli è lieta di presentare la prima mostra monografica dedicata a Delfina Delettrez, una delle personalità più interessanti ed eclettiche nell’ambito del gioiello contemporaneo, la cui prolifera creatività, unita ad una spiccata curiosità e ad un profondo senso di disciplina e professionalità, ha dato vita a ben dieci diverse collezioni nell’arco di soli cinque anni. 
“La mostra – che si svilupperà coinvolgendo eccezionalmente anche le sale espositive comunicanti della galleria Alessandro Bagnai – intende non soltanto ripercorrere le tappe fondamentali dell’iter creativo di Delfina Delettrez, attraverso un’immersione nel suo caleidoscopico immaginario, presentando un selezionato numero di gioielli, iconici ed eccellenti, tra pezzi unici e a tiratura limitata, e un lavoro inedito, ma proporre un approfondimento sul suo modus operandi.
Innanzitutto, esaltando la sua innata esigenza, e capacità, di presentare le proprie creazioni contestualizzandole, ovvero progettando ogni volta un’ambientazione speciale che, in maniera ideale, sottenda e riferisca le tracce della visione che prelude ed ispira ogni nuova collezione, e finisce poi per intriderla. Ogni suo progetto è sempre pensato, infatti, come un vero e proprio percorso di narrazione in cui grande importanza è data ai concetti di “contesto” e di “spazio”. 
La scelta di particolari locations per presentare il proprio lavoro al pubblico (come ad esempio il Gran Véfour, lo storico ristorante settecentesco di Palais Royal a Parigi, per la collezione “Delirium” nel 2008) così come quella relativa alla disposizione dei gioielli (la collezione “Garden of Delight” del 2009 fu presentata indossata dagli animali impagliati della maison Deyrolle, celebre cabinet de curiosités parigino dal 1831) ha fin da principio costituito per Delfina Delettrez parte integrante del lavoro, un corollario fondamentale a trasmettere qualcosa in più del suo universo personale, biografico e culturale e della sua direzione di ricerca, sempre in bilico tra memoria storica e (pre)visione onirica.
A tale proposito, la mostra è stata concepita in modo da restituire l’operato di Delfina Delettrez in una prospettiva globale, riunendo i pezzi più rappresentativi delle collezioni create dal 2007 al 2012 e gli allestimenti concepiti ad hoc come loro estensione anatomica. 
Le installazioni, relazionandosi con gli ambienti di Palazzo Ricasoli (le 4 stanze comunicanti al primo piano delle gallerie Villanova e Bagnai e con il salone délabré del piano nobile), produrranno nel loro insieme un inedito intervento site-specific fondato su una rete di rimandi continui tra lo spazio e le iconografie, le forme e i materiali divenuti ormai elementi caratterizzanti dello stile eclettico eppure identificativo del linguaggio estetico di Delfina e del suo modo di intendere l’arte (micro)scultorea come ornamento del corpo.
Centro nevralgico di tutte le relazioni che l’essere umano, attraverso i sensi, instaura con il mondo esterno, il corpo è punto di partenza imprescindibile dell’indagine dell’autrice e il fulcro costante della sua riflessione. Il pensiero attorno al corpo ha condotto istintivamente Delfina ad assumere nel proprio alfabeto espressivo l’apparato fenomenico nella sua totalità, quindi a voler confrontarsi con ognuna delle realtà con cui l’uomo costantemente si imbatte durante il giorno (la realtà della natura, dell’arte, della tecnica) e durante la notte (la surrealtà, il sogno, l’immaginazione, il desiderio). 
Tutte queste diverse sfere vengono sublimate da Delfina Delettrez sotto forma di visioni frammentate, attraverso accostamenti iconografici imprevedibili e combinazioni spiazzanti tra elementi estranei e incongruenti ma che, fusi nell’oro, glassati nello smalto, incastonati nelle pietre preziose, scolpiti nel marmo o cristallizzati nella resina, risorgono a nuova vita, sotto nuove spoglie, intrisi di nuovo senso.
Così avviene che parti anatomiche (occhi, bocche, dita) presenti nella collezione “Anatomik” – e abbinate in “Metalphysic” a porzioni di reperti archeologici, a capricci e a volute – si trasformino in icone ibride a se stanti, autosufficienti; o che campioni di DNA, come le ciocche di capelli sigillate nella resina nella collezione “Love is in the Hair”, assumano ludicamente l’aspetto di reliquie contemporanee; o ancora, che gocce di rubino colino come sangue dai metalli preziosi dei gioielli inseriti nella catena di montaggio di “Roll-in-Stones”, mentre api, zanzare e mosche smaltate operano minacciose tra gli attraenti ingranaggi (bracciali a cerchi concentrici di memoria vitruviana e polsiere frangiate) del macchinario umanizzato.
Sostanzialmente, ciò che incanta Delfina Delettrez è la vita, il dinamismo del suo divenire, il rapporto aureo tra micro e macro cosmo, le corrispondenze tra mondo biologico e poiesis tecnologica. 
Uno degli aspetti che accomuna molti dei suoi gioielli è infatti proprio l’idea di movimento, di evoluzione. Se alcuni pezzi somigliano a piccoli marchingegni cinetici, altri hanno un’ambiguità strutturale studiata perché la loro forma possa evolvere in un’altra. Esemplari in questo senso il bracciale e la gorgiera (Detaille Unique) dell’ultima collezione “Metalphysic”, presentata presso il Musée des Arts Decoratifs di Parigi, realizzati con un intreccio di piattine in metallo prezioso unite a formare una geometria mobile, snodata, il cui meccanismo di estensione a pantografo li rende elementi mutevoli e mutanti, adattabili ai volumi del corpo. Perfetta incarnazione dell’oggetto metafisico (da metà, trasformazione, al di là, cambiamento, e physikè, natura, fisica). 
La natura in sé è “ascoltata” da Delfina Delettrez con un’attenzione e una perizia di carattere entomologico: i suoi insetti non ci appaiono mai come figurine statiche, scultoree, ma come esserini attivi, viventi, ritratti per via di mimesi. Le api, ad esempio, simboli per eccellenza di operosità (nonché di romanità: tre api caratterizzano lo stemma araldico dei Barberini) molto spesso sembrano divenire protagoniste dei gioielli per pura casualità, perchè accidentalmente vi si poggiano, continuando a svolgere le loro mansioni “en plein air”. Sono questi gli attimi in cui l’autrice predilige immortalarle, quando intente a produrre miele o ronzanti tra i micro mosaici in un micro sito archeologico assolato, non si accorgono della sua presenza.  
Come un piccolo musée des merveilles, la mostra, curata da Emanuela Nobile Mino, offrirà uno spaccato sul meraviglioso mondo (naturalistico, anatomico, etnografico, metafisico, surrealista) di Delfina Delettrez, accompagnando il visitatore alla scoperta delle sue preziose sezioni organizzate per illustrare al meglio la poliedricità del suo operato, da sempre allineato sulla rosa di valori che costituiscono il patrimonio fondante dell’italianità artistica: eccellenza tecnica e raffinatezza estetica, cultura e suggestione, ironia e malinconia, visione e meraviglia”. (E.N.M.)
In uno degli ambienti della galleria sarà inoltre esposto il gioiello inedito realizzato appositamente da Delfina Delettrez per la Galleria Antonella Villanova in edizione limitata.  
 Emanuela Nobile Mino è storica dell’arte, critica d’arte e lavora come curatrice indipendente in Italia e all’estero collaborando sia con artisti emergenti che affermati, italiani e stranieri. Scrive regolarmente saggi per libri e cataloghi d’arte e collabora con la rivista Flash Art (Italia, Design, International).

 Collier Addolorata en cuir blanc et argent plaqué or et rubisDelfina Delettrez Collier Addolorata en cuir blanc et argent plaqué or et rubis ((photos Vogue)

 Manchette Black Widow en or, diamants noirs et gris, saphirs violets et rouges, perlesDelfina Delettrez Manchette Black Widow en or, diamants noirs et gris, saphirs violets et rouges, perles

Marzo 2012 : Presentazione della collezione “Metalphysic” presso il Museo delle Arti Decorative del Louvre. La collezione si compone di piccoli pezzi scultorei ispirati alla storia di Roma e in grado di evocare il neoclassicismo del Canova, il senso della rovina del Piranesi, la pittura metafisica di Giorgio De Chirico. Frammenti di memoria in cui la tradizione degli orafi romani si rinnova nei micromosaici che riproducono dettagli di piazze solitarie.

 


 

 

Antonella Vilanova Gallery
Via della spada 36R
50123 Firenze
t. +39 055 6802066
antonellavillanova@gmail.comhttp://www.antonellavillanova.it/it/

12/06/2011

Conferenza – « Intorno al Gioiello » – MAXXI Museo, Roma (IT) – lundi 13 juin 2011

Classé dans : Conference / Lecture,Italie (IT),MUSEE — bijoucontemporain @ 15:33

 Conferenza – « Intorno al Gioiello »
lundi 13 juin – 10h-13h

Conferenza -

Apertura della conferenza:
Giuliano Ansuini – Presidente ARRO
Relatori della conferenza:
Paolo Paolillo, Massimo Biondi, Alba Cappellieri, Bianca Cappello, Amanda Triossi, Nicola Carrino, Loredana Di Luccchio, Claudio Franchi.
Modera la conferenza:
Francesco Verderami – Giornalista Corriere della Sera.

« Il mondo dell’ornamento vive una stagione ricca di proposte: prodotti industriali e artigianali ad elevato valore manuale e progettuale, brand di media e alta gamma, ornamento ad alto contenuto di ricerca, sperimentazioni con materiali eterogenei, bijoux dalla varietà multiforme, proposte di design d’avanguardia.
A tutto ciò corrisponde un’altrettanto frammentata risposta del pubblico che sta cambiando pelle e che si sta inoltrando lungo i sentieri dell’economia delle esperienze (Fabris), mentre il marketing è ancora legato a logiche di manipolazione che stanno divenendo rapidamente obsolete.
In una conferenza a otto voci – otto punti di vista che aprono una nuova dimensione della cultura del gioiello – si avvia la lettura delle attuali esperienze nella strategia dell’orna-mento, dalla dimensione psicologica del gioiello come bisogno della mente sino alla visione storico-critica, passando per la rappresentazione dell’attuale mercato che spazia dai linguaggi classici a quelli di segno contemporaneo.
Visioni forse diverse ma complementari che, nelle specifiche professionalità dei relatori, si pongono il compito di fornire una visione d’insieme nell’economia degl’importanti muta-menti che il nostro tempo registra nel settore del gioiello.
Questo primo appuntamento si propone come importante spunto di riflessione e stimolo per studiare i comportamenti e i bisogni di un pubblico che nonostante la crisi non rinuncia all’ornamento. »

 

 

 

MAXXI – MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO
Via Guido Reni 4a, Sala Auditorium
Rome, Italy

 

20/05/2011

*ARTIFIZIO* – EXPO ‘S16 – Il divenire delle cose’ – Galleria 42, Modena (IT) – 15-28 mai 2011

 » S16 – Il divenire delle cose « : dialogo tra Artifizio e Daniele Milanesi

http://www.agc-it.org/public/mini/invitoGall.42.jpg

5 Italian Design Artists, all based in 5 different towns: Luisa Bruni (Rome), Gigi (Luigi) Mariani (Modena), Elena Martinelli (Genoa), Paolo Mazzeschi (L’Aquila), Claudio Ranfagni (Florence), all sharing the same passion for contemporary handmade jewellery, linked and grouped together through a web based virtual collective StudioLab called ARTIFIZIO

Each of them works separately and they usually share their creations only once about to assemble each new piece. Individuality helps preserving the artistic side, and the power of the network adds strenght while striving in a more and more competitive market…and it works! (DOY)

*ARTIFIZIO* - EXPO 'S16 - Il divenire delle cose' - Galleria 42, Modena (IT) - 15-28 mai 2011 dans Artifizio (IT)

« S 16″ cadavres exquis ….

Join them for their new show « S16 Il divenire delle cose: dialogo tra Artifizio e Daniele Milanesi », Modena, Galleria 42 – May 15th -28th    www.galleria42.com

S16 è il risultato di un processo di trasformazione.
Il video è la traduzione poetico/sonora delle fasi di questo processo, unica testimonianza di ciò che era e che non sarà mai più. La contaminazione liquida fa assumere agli elementi in gioco un significato « altro » da quello per cui erano stati creati, come attori principali in un atto di denuncia e di provocazione, divenendo proprio per questo « opera ».
Gli oggetti colpiti dal liquido brunitore (S16) come un percorso biologico/organico, sono la metafora di una mutazione che è anche una rinascita e che assume tutto il valore della memoria.
Gli elementi che compongono l’installazione vengono reinterpretati dall’ouverture site specific che il l’artista designer Daniele Milanesi realizza rigenerando rifiuti metallici, stabilendo un’anticamera scenica per i simboli fluttuanti che il gruppo Artifizio ha generato da una trasposizione contemporanea del gioiello d’autore.

Comme une marée noire qui « englue » tous ces bijoux à thème marin, englue pour les faire mieux « émerger » …..

 dans Claudio RANFAGNI (IT)
Claudio Ranfagni - Spilla (brooch) ‘CAVALLUCCIO’ -argento, bronzo, smalti

 dans Elena MARTINELLI (IT) 
Elena Martinelli- Spillone ‘MEDUSA’ – argento, rame, ottone, perline, corallo, vetro

 dans Exposition/Exhibition

Gigi Mariani – Anello ‘ANEMONE’ – argento, oro, plastica

 dans GALERIES 
   dans Gigi MARIANI (IT) dans Italie (IT)

Luisa Bruni – Bracciale ‘FONDALE’ – argento, rame, ottone, sabbia, resina

 

 

 

 

 

Galleria 42
Via Carteria 42
4100 Modena, ITALY

01/02/2011

EXPO(s) ‘Je RÊVE !’ – Paris (FR) – 4 Févr.-26 Mars 2011

Les quatre adresses parisiennes d’Ateliers d’Art de France : l’Atelier, la galerie Collection, Talents Étoile et Talents Opéra, proposent, après « Ultra dentelles ! », une nouvelle exposition thématique autour du rêve. Artisans et créateurs ont été nombreux à s’investir dans cette nouvelle exposition et présentent des pièces exceptionnelles. En papier, bois, textile, céramique, verre ou métal, ces réalisations nous invitent à un rêve d’Eden et de volupté puis nous conduisent jusqu’au cauchemar. Le voyage s’achève par la question des interprétations où 7 grands personnages nous font réfléchir sur nos songes.

EXPO(s) 'Je RÊVE !' - Paris (FR) - 4 Févr.-26 Mars 2011 dans Aline KOKINOPOULOS (FR) app_full_proxy.php?app=4949752878&v=1&size=o&cksum=2ac44cf945aa2c45a66e441e5b4c603d&src=http%3A%2F%2Fwww.ateliersdart.com%2Ffichiers%2Fimage%2FFacebook%2FJe-reve-facebook

 

entre autres (pour le bijou) : Wabé à Talents Etoile ; Patricia Lemaire, Sophie Hanagarth, Tzuri Gueta à la Galerie Collection Le Marais ; Frédérique Trinchese, Sarah Radulescu à Talents Opéra ; Aline Kokinopoulos à L’Atelier Bastille ……….

fleurs_sm dans Ateliers d'Art de France

 

Patricia Lemaire -   les bouches rouges - 2010 - parure de cou - cuivre émaillé, argent 925Patricia Lemaire ‘les bouches rouges’ – collier de bouches en métal émaillé qui embrasse le cou

le parfum du baiser - 2000
Patricia Lemaire- LE PARFUM DU BAISER – sculpture bague ( dim 50cm X 10cm) maillechort, cuivre émaillé, os, plumes, ambre gris, pétales de renoncule, soie, fruit…

fouet dans Exposition/Exhibition
Sophie Hanagarth – ‘Q’ – collier en cuir tressé à la manière d’un fouet…

EXPO Je reve - Sophie Hanagarth Bijoux de Famille
Sophie Hanagarth -Bijoux de Famille

« Lippes », bracelet en fer pur forgé qui embrasse violemment le poignet, « Bijoux de famille » collier dont le nom est aussi suggestif que la forme, « Q »…. Les bijoux de Sophie Hanagarth tirent ce songe de volupté vers la violence de l’amour physique. Ses parures semblent prolonger le corps, l’habillant d’organes surnuméraires qui sont à la fois emprunts de cruauté et de douceur.

96588377775 dans Frederique TRINCHESE (FR)
Aline Kokinopoulos - bague ‘Fiori’ – (photo Francesca Canapa)

et aussi : Un scarabée en perles et tissus de Sarah Radulescu…. Le collier Mélancolie de Frédérique Trinchese…..

 

 

* L’Atelier Bastille « Je rêve ! d’Eden »
55, avenue Daumesnil, 75012 Paris
tél. : + 33 (0)1 43 45 28 79
viaduc@ateliersdart.com

 

* Galerie Collection Le Marais : « Je rêve ! de volupté »
4, rue de Thorigny – 75003 Paris
tél. : +33 (0)1 42 78 67 74
collection@ateliersdart.com

 

* Talents Etoile : « Je rêve ! de quoi ? »
22 et 26, avenue Niel – 75017 Paris
tél. : + 33 (0)1 48 88 06 58
boutiques@ateliersdart.com

 

* Talents Opéra : « Je rêve ! non je cauchemarde »
1 bis, rue Scribe – 75009 Paris – métro Opéra
tél. : +33 (0)1 40 17 98 38
talents@ateliersdart.com

 

Image de prévisualisation YouTube

12